Giovedì 23 ottobre – Il paese degli elefanti e l’Italia degli idrocarburi

Giovedì 23 ottobre 2014
ore 18.30

PRESENTAZIONE DEL LIBRO

di Luca Pardi

IL PAESE DEGLI ELEFANTI

Miti e realtà sulle riserve italiane di idrocarburi

(Lu::Ce Edizioni)

partecipano, insieme all’Autore:

Sergio Gatteschi
(Responsabile Ambiente PD Firenze)

Stefano Fabbri
(Giornalista Ansa)

Prof. Mauro Annese
(Autore di pubblicazioni sulle vie del petrolio)

Massimo Lensi
(Comitato Nazionale Radicali Italiani)

 

pardi-paese_degli_elefanti-HR

LA VERITA’ SULLA FROTTOLA DELLE CONSISTENZE DI PETROLIO E DI GAS IN ITALIA. E SULLE CONSEGUE

NZE DEI PROBLEMI AMBIENTALI POSSIBILI NELLA LORO ESTRAZIONE.

“Fra l’interve

In quell’occasione mi venne spontanea la battuta che è la base del titolo di questo libro: «dire che il nostro Paese è ricco di idrocarburi è come dire che l’Italia è il paese degli elefanti perché ce ne sono due allo zoo di Pistoia e altri tre o quattro sparsi per i circhi: non è così, è una frottola».nto di Prodi e quello del ministro Guidi ho avuto l’opportunità di intervenire nella trasmissione Ambiente-Italia di Rai 3 condotta da Giuseppe Rovera.

E allora è arrivato il momento di discutere in maggior dettaglio l’entità della frottola indagando la consistenza delle riserve di gas e petrolio presenti nel sottosuolo e metterle a confronto con i consumi e con la produzione attuale. Solo partendo da questi dati è infatti possibile iniziare una corretta analisi costi-benefici, senza dimenticare che fra i costi sarà necessario mettere anche quelli legati al rischio ambientale e ai ritardi culturali e sociali che l’indugiare nel paradigma dell’energia fossile comportano”.
Luca Pardi è nato a Torino nel 1957 e cresciuto a Firenze. Laureato in Chimica all’Università di Firenze ha svolto attività di ricerca di base nel campo della chi- micafisica dei materiali magnetici, con esperienze di lavoro in Francia, dal 1993 al 1995, e negli Stati Uniti, dal 1995 al 1998. Rientrato in Italia, all’inizio degli anni 2000, viene assunto al Consiglio Nazionale delle Ricerche presso l’Istituto per i Processi Chimico-Fisici.

Nel 2003, venuto a conoscenza del tema del Picco del petrolio, fonda, insieme al professor Ugo Bardi, membro del Club di Roma, la sezione italiana di ASPO (Association for the Study of Peak Oil & Gas) e comincia a dedicarsi sempre più intensamente al tema dell’energia, della sostenibilità e della crisi ecologica in atto. Dal 2010 è presidente di ASPO-Italia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *